Le patine

Nella logica che ispira la creatività della nostra azienda, fino a caratterizzarne in modo unico lo stile, le patine rappresentano l’elemento distintivo.
Ogni nostro manufatto, ogni nostra creazione ha una patina vissuta, unica ed irripetibile.
Il legno e il ferro vengono trattati con rispetto, lavorati con tecniche artigiane antiche conservando i metodi originali del passato.
Il risultato finale porta ad oggetti inconfondibilmente riconoscibili ed identificabili come “Porte del Passato”.
Ecco , di seguito, alcuni esempi.
Le nostre cere sono naturali; cere d’api scaldate e passate sulla superficie con la giusta manualità.
I colori sono tutti naturali, da noi composti ed anche calibrati.
Nelle laccature, la fase di gessatura, doratura su bolo e meccatura sono eseguiti su basi consistenti e con molti passaggi di lavorazione; in questo modo la laccatura o la decapatura risultano di sostanza e corpose.
Le tecniche di invecchiamento richiedono molti passaggi e, soprattutto, partono dalla concezione di fondo che un aspetto antico della superficie nasce da un lavoro certosino a partire dalla base del processo (vale a dire dalla gessatura, in caso di lacche e dalla ripulitura, in caso di legni naturali antichi).
Centrale e fondamentale è il rispetto per i legni antichi.
E’ ammessa la ripulitura purché essa non comporti alterazione delle superfici, che anzi tramite essa dovrebbero ancor più mostrare l’aspetto vissuto che ha conferito il passare del tempo.
Le tecniche di costruzione antiche, quali incastri, chiodi rigirati e testaroli aiutano a conferire al manufatto una patina finale ancor più vissuta e speciale.
Un’ottima patina renderà un oggetto più amabile per chi ama la cultura artigianale del legno.
Non si tratta di copie, bensì di conservazione e rivalutazione delle qualità estetiche e funzionali del passato, al fine di mantenere vivo il concetto di opera unica ed irripetibile del manufatto.